Ultima modifica: 5 luglio 2017
Home > Alunni > Vaccinazioni obbligatorie: disposizioni

Vaccinazioni obbligatorie: disposizioni

Presentazione della documentazione entro il 10 settembre 2017.

Prot. 1928/C27 del 19 giugno ’17

Il decreto legge n. 73 del 7 giugno 2017 ha introdotto l’obbligo di vaccinazione per i minori da 0 a 16 anni, affidando dei compiti di vigilanza, controllo e segnalazione alle istituzioni scolastiche.

Le vaccinazioni rese obbligatorie, da effettuare secondo il “Calendario vaccinale”, sono 12:

  1. anti-poliomielitica
  2. anti-difterica
  3. anti-tetanica
  4. anti-epatite B
  5. anti-pertosse
  6. anti-Haemophilus influenzae tipo b
  7. anti-meningococcica B
  8. anti-meningococcica C
  9. anti-morbillo
  10. anti-rosolia
  11. anti-parotite
  12. anti-varicella

Sono esonerati dall’obbligo summenzionato i minori che si siano immunizzati contraendo naturalmente la malattia o quelli per i quali la vaccinazione costituisce un serio pericolo in relazione a precise condizioni cliniche. L’avvenuta immunizzazione deve essere comprovata dalla notifica del medico curante, mentre le specifiche condizioni cliniche vanno attestate da un medico di medicina generale o da un pediatra di libera scelta.

Le vaccinazioni obbligatorie costituiscono requisito d’accesso agli asilo nido e alle scuole dell’infanzia, per cui i bambini non vaccinati non possono essere iscritti.

Per gli alunni, invece, della scuola primaria e secondaria l’obbligo vaccinale non costituisce requisito d’accesso (quindi vanno iscritti), ma ai genitori sono applicate sanzioni pecuniarie seguite eventualmente dalla segnalazione al tribunale dei minori.

Alla luce di quanto sopra, il Dirigente scolastico chiede ai genitori o ai tutori la documentazione attestante una delle seguenti condizioni:

  • l’avvenuta vaccinazione;
  • l’esonero (per chi si è immunizzato naturalmente);
  • l’omissione o il differimento (per chi si trova in particolari condizioni cliniche);
  • la presentazione della richiesta di vaccinazione all’azienda sanitaria locale territorialmente competente (che deve provvedere alla vaccinazione entro la fine dell’anno scolastico).

DISPOSIZIONI TRANSITORIE

Per l’anno scolastico 2017/2018, il decreto delinea una fase transitoria, per cui la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione o la dichiarazione o l’esonero, l’omissione o il differimento va presentata entro il 10 settembre 2017.

SANZIONI

L’ASL, ricevuta la segnalazione da parte della scuola, qualora non si sia già attivata, indica ai genitori inadempienti il termine entro cui devono provvedere alle vaccinazioni.

Se i genitori non rispettano quanto prescritto dall’ASL vanno incontro ad una sanzione pecuniaria che va da un minimo di 500 a un massimo di 7500 euro; trascorsi i termini indicati, inoltre, l’ASL segnala l’inadempimento dell’obbligo vaccinale al Tribunale per i Minorenni per gli eventuali adempimenti di competenza.




I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Navigando nel sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi